25

Gen
2022

JEDINFORMA COLOMBIA

Posted By : jeditravel/ 964

A partire dal 16 dicembre è possibile raggiungere la Colombia per motivi turistici.

PRIMA DI PARTIRE PER LA COLOMBIA

Per l’ingresso in Colombia ogni viaggiatore deve compilare prima della partenza il modello Check-Mig https://apps.migracioncolombia.gov.co/pre-registro/public/preregistro.jsf; in caso di mancata compilazione del modello, le compagnie aeree non consentiranno l’imbarco.

Vaccino:

Dal 14 dicembre 2021 sono entrate in vigore nuove disposizione concernenti l’ingresso nel Paese per tutti i maggiori di 18 anni stabilite dal Ministero della Salute con la Risoluzione 2052 del 6 dicembre 2021. In particolare:

  • I cittadini stranieri non residenti dovranno presentare un certificato di vaccinazione elettronico con schema di vaccinazione completo e con applicazione della seconda dose almeno 14 prima del giorno di arrivo in Colombia. Nel caso abbiano ricevuto solo la prima dose del vaccino la seconda dose sia stata somministrata da meno di 14 giorni, dovranno presentare l’esito negativo di un test PCR effettuato fino a 72 ore prima dell’imbarco.
  • I cittadini stranieri non residenti che non abbiano ricevuto alcuna dose di vaccino non potranno entrare nel Paese, nemmeno esibendo l’esito negativo di un test PCR effettuato fino a 72 ore prima dell’imbarco.

Bambini:

Esentati fino ai 17 anni di età dalla necessità di certificazione attestante il ciclo vaccinale e dal tampone, se in viaggio con adulti vaccinati e con tampone PCR negativo.

DURANTE IL SOGGIORNO IN COLOMBIA

Dal 16 novembre 2021 per i maggiorenni e dal 30 novembre 2021 per i maggiori di 12 anni è in vigore a livello nazionale il requisito dell’esibizione del certificato di vaccinazione per poter accedere a determinati luoghi pubblici e stabilimenti (tra i quali anche bar e ristoranti), attività ed eventi dove si possano presentare concentrazioni di persone.

AL RIENTRO IN ITALIA DALLA COLOMBIA

Tampone:

Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato a effettuare i controlli, la certificazione “verde” COVID-19, rilasciata al completamento del ciclo vaccinale ovvero certificazione equipollente, emessa dalle autorità sanitarie competenti a seguito di vaccinazione validata dall’EMA (Agenzia Europea per i Medicinali).

Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, un certificato che attesti il risultato negativo di un test molecolare o antigenico, condotto con tampone, effettuato nelle settantadue (72) ore precedenti l’ingresso in Italia (se test molecolare) o ventiquattro (24) ore (se test antigenico), da mostrare a chiunque sia preposto ad effettuare questa verifica.

Moduli:

Compilare un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form (dPLF) e presentarlo, sul proprio dispositivo mobile o in versione cartacea, al vettore al momento dell’imbar